Prodotti biologici in crescita e quasi la metà passa dalla GDO

La richiesta di prodotti biologici è aumentata in modo significativo negli ultimi anni e la Grande Distribuzione Organizzata sembra essere riuscita a intercettare questo trend, a giudicare dai dati che emergono dal focus Supermercati & Specializzati (terza edizione) pubblicato da Bio Bank a fine giugno 2019.

Bio Bank si occupa di monitorare l’andamento del mercato del biologico in Italia dai primi anni Novanta, quando il canale principale di distribuzione di questa tipologia di prodotti erano i negozi specializzati. Da allora molte cose sono cambiate e la grande distribuzione ha fatto passi da gigante nel settore bio. Tutto è iniziato con il lancio graduale di prodotti ortofrutticoli biologici Coop nel 1992, che ha ispirato altri supermercati negli anni immediatamente successivi, in seguito abbiamo assistito al fiorire delle prime etichette bio di prodotti a marchio di diverse catene. Esselunga ha fatto da apripista nel 1999 con la prima gamma completa di alimenti Esselunga Bio. L’anno dopo Coop seguirà l’esempio con l’etichetta Coop da Agricoltura Biologica, linea che si amplierà e perfezionerà negli anni, fino al lancio di Vivi Verde Bio nel 2009. Nel 2000, oltre a Coop, creano la prima label bio del marchio Conad, Carrefour, Pam Panorama. Nel 2009 è il turno di Lidl, nel 2015 di Bennet e di Eurospin.

Sono nel frattempo aumentati i prodotti biologici venduti dalle grandi aziende dell’agroalimentare e dalle multinazionali. L’interesse per il bio ha superato il settore alimentare e ha coinvolto la cosmesi e i prodotti per la casa. Nel primo censimento Bio Bank, realizzato nel 2001, erano 9 le catene di supermercati nazionali che avevano creato una gamma di prodotti alimentari bio. Nel 2014 erano aumentate di 5 unità e nel 2018 sono arrivate a quota 26. La cosmesi bio interessa invece, per ora, 10 insegne.

Considerato il dispiegamento di forze non stupisce leggere nei dati dell’Osservatorio SANA, riportati da Bio Bank, che le vendite di prodotti biologici nei supermercati abbiano registrato un forte incremento negli ultimi 10 anni. Se nel 2009 i negozi specializzati coprivano il 45% della distribuzione del settore e i supermercati solo il 29%, nel 2018 ci si trova di fronte a una situazione capovolta, con la GDO che in Italia incide per il 45% nella vendita dei prodotti bio e i negozi specializzati fermi al 24% da circa tre anni.

Nel 2018 il primato del biologico nella grande distribuzione va a Coop, che mette a disposizione il numero maggiore di referenze alimentari bio, 750 per l’esattezza. Al secondo posto troviamo Esselunga, con 368 referenze, al terzo Pam Panorama che ne conta 366. Coop è l’insegna leader anche nella distribuzione della cosmesi bio, per la quale si registrano 35 referenze del marchio. Seguono Pam Panorama con 34 referenze, Bennet e Todis al terzo posto con 20.

Prova Supermercato24

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Daniela Dall'Alba

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Supermercato24 da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *