Melograno, proprietà nutritive e benefici per la salute

Inconfondibile nell’aspetto e nel gusto e prezioso per le sue virtù benefiche, il frutto del melograno è uno dei protagonisti dell’autunno inoltrato.

Calorie e valori nutrizionali del melograno

Elementi principali
Melograno (100 g)
Acqua77,9 g
Energia83 kcal
Proteine1,7 g
Grassi1,2 g
Carboidrati18,7 g
Fibre4 g
Zuccheri13,7 g
Minerali
Melograno (100 g)
Calcio10 mg
Ferro0,3 mg
Magnesio12 mg
Fosforo36 mg
Potassio236 mg
Sodio3 mg
Zinco0,35 mg
Vitamine
Melograno (100 g)
Vitamina C10,2 mg
Tiamina0,07 mg
Riboflavina0,05 mg
Niacina0,29 mg
Vitamina B60,07 mg
Folato, DFE38 µg
Vitamina E0,6 mg
Vitamina K16,4 µg
Grassi
Melograno (100 g)
Grassi saturi0,12 g
Grassi monoinsaturi0,09 g
Grassi polinsaturi0,08 g

Fonte: USDA Food Composition Databases


Il melograno è una pianta originaria dell’Asia Occidentale e coltivata da tempi antichissimi nell’area del Mediterraneo. Nel linguaggio comune viene dato il nome di melograno sia alla pianta che al suo frutto, chiamato anche melagrana o mela granata. L’origine del nome è latina (malum granatum). Dal punto di vista botanico il melograno è una bacca dalla buccia resistente. La parte edibile è costituita dai semi (o arilli) di colore rosso vivo, aciduli e succosi.

Semi del melograno

I semi del melograno sono ricchi di vitamina C, vitamina E e vitamina K. Sono inoltre una fonte di fibre, di vitamine del gruppo B e di preziosi sali minerali, tra i quali ferro e potassio. Tra le virtù riconosciute al melograno c’è anche quella di essere un frutto antiossidante, che aiuta a rallentare l’invecchiamento cellulare grazie al mix di proprietà nutritive dei suoi semi. Per beneficiarne a pieno si può consumare il melograno al naturale, appena sgranato, oppure spremerlo, come si fa con un’arancia, per farne un succo rivitalizzante. Il melograno contiene un’alta percentuale di acqua e un apporto calorico ridotto, circa 80 calorie all’etto. L’equilibrio tra fibre, acqua e minerali lo rende inoltre mediamente più saziante di altri frutti e può quindi essere considerato un ottimo spezza-fame per chi cerca qualcosa di leggero e salutare.

Le varietà di melograno

Esistono diverse varietà di melograno che si distinguono per il grado di dolcezza e acidità, o meglio per l’equilibrio tra questi due elementi. Tra le più note troviamo il melograno Dente di Cavallo, dalla buccia chiara e dai semi dolci, lucidi e a forma di trapezio, all’origine del nome. La varietà Wonderful è una selezione americana disponibile già da inizio ottobre, agrodolce, di dimensioni notevoli e con buccia e semi di colore rosso intenso. La varietà Acco ha semi rosso scuro, morbidi, molto dolci e succosi.

Come sgranare il melograno

Sgranare il melograno richiede un po’ di tecnica. A seconda delle varietà e del grado di maturazione avremo una buccia di diverso spessore e una membrana interna, alla quale i semi sono attaccati, più o meno difficile da rimuovere. Esistono alcuni attrezzi pensati per facilitare il compito e vari metodi per velocizzare l’operazione quando ci si serve solo di un coltello e delle mani. Una tecnica di taglio, particolarmente efficace quando la buccia è spessa, prevede di rimuovere per prima la parte con la corona sporgente e poi, facendo sempre attenzione a non affondare la lama nei semi, proseguire incidendo la buccia a spicchi, da separare solo forzando leggermente l’apertura del frutto con le mani.

Come sgranare il melograno

Melograno: gli usi in cucina

Il gusto particolare del melograno si presta a diversi usi in cucina. Ottimo da mangiare fresco appena sgranato, da solo, con altra frutta o yogurt, è da provare anche in abbinamenti più insoliti, ad esempio con broccoli e cavoli saltati in padella o come ingrediente di un risotto autunnale. È inoltre perfetto per rendere croccante l’insalata e come accompagnamento alla carne bianca. Il melograno è adatto anche alla preparazione di salse agrodolci. La componente acidula del melograno si fa più insistente quando viene scaldato, per un risultato diverso si consiglia di aggiungere il melograno ai piatti caldi solo all’ultimo momento.

Insalata con cavolfiore e melograno

Tra simbologia e mito

Nell’antica Grecia diversi miti vedono protagonista il melograno. Sarebbe proprio questa pianta il dono di Afrodite all’isola natale di Cipro e da qui deriverebbe la tradizione, valida per diverse culture, che vede in questo frutto un simbolo di fecondità e buon auspicio.

Al melograno è legato anche il mito di Persefone (Proserpina nella tradizione latina), la giovane figlia di Demetra e Zeus rapita da Ade, dio degli inferi, per farne la sua sposa. Giunta nell’oltretomba le viene offerto del melograno con l’inganno, senza avvertirla che mangiarne anche solo qualche chicco avrebbe significato non poter più fare ritorno dal regno dei morti. Venuta a conoscenza della sorte della figlia la reazione disperata di Demetra, dea della fertilità e del raccolto, non si fa attendere: per gli uomini inizia un arido inverno di grave carestia. L’intervento di Zeus consente di raggiungere un compromesso: Persefone dovrà restare nel regno di Ade per sei mesi ogni anno, ma potrà lasciarlo per gli altri sei. Da allora l’arrivo della primavera racconta la gioia di Demetra nel riabbracciare Persefone.

Prova Supermercato24

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Daniela Dall'Alba

Pubblicato da Daniela Dall'Alba

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Milano, copywriter e traduttrice freelance, Daniela collabora con Supermercato24 da febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *