Niente più stoviglie in plastica usa e getta in vendita da Lidl

A inizio luglio Lidl ha annunciato la messa al bando, entro fine anno, di piatti, bicchieri e posate in plastica usa e getta da tutti i supermercati dell’insegna sul territorio italiano. Saranno sostituiti da alternative in materiali ecocompatibili. Un importante passo avanti verso gli obiettivi fissati a livello europeo per affrontare il problema, serio e urgente, della riduzione dei consumi dei materiali più inquinanti e di un più efficace smaltimento degli stessi.

Lidl supera i seicento punti vendita in Italia, distribuiti in 19 regioni, e lo stop programmato alla distribuzione di stoviglie in plastica porterà, secondo le stime, a una riduzione di quasi 2.000 tonnellate annue di prodotti non biodegradabili. Questo non significa che non si potranno più acquistare stoviglie monouso, ma che da Lidl si potranno trovare solo quelle prodotte in fibra vegetale, biodegradabile e compostabile, per ridurre drasticamente il loro impatto sull’ambiente. Anche le confezioni di queste soluzioni alternative saranno riciclabili al 100%. La nuova gamma di prodotti è venduta a marchio Aromata, private label di Lidl, e promette di coniugare qualità e prezzi accessibili, che è poi l’indirizzo dell’intera catena.

Ci si augura che questo vada di pari passo con una maggiore consapevolezza da parte dei consumatori della necessità di un approccio attivo nel diminuire l’impatto delle proprie abitudini sull’ambiente e che si riporti l’attenzione sulla necessità di favorire il corretto smaltimento dei rifiuti secondo le regole della raccolta differenziata.

L’iniziativa di Lidl è stata presa nel rispetto delle direttive europee che chiedono un’inversione di rotta, entro il 2021, per quanto riguarda la diffusione di plastiche usa e getta, ed è parte integrante dell’impegno preso da Lidl nei confronti dell’ambiente. L’obiettivo da raggiungere è la riduzione a tutto tondo dell’uso della plastica, anche per i materiali di imballaggio, e il riciclo, ogni volta che è possibile, dei materiali già utilizzati. Per questo Lidl si occupa anche di recuperare e trasformare gli imballaggi in plastica per reinserirli nel ciclo di produzione.

La direttiva sulla plastica monouso approvata dal Parlamento Europeo a fine marzo 2019, resa necessaria anche dal tasso di abbandono nell’ambiente dei rifiuti non gestiti adeguatamente, vieta, entro il 2021, l’uso di posate e piatti in plastica monouso, cannucce in plastica, bastoncini cotonati in plastica, bastoncini in plastica per i palloncini, plastiche ossi-degradabili, contenitori alimentari e tazze in polistirene espanso. Richiede inoltre che gli Stati membri raccolgano, entro il 2029, almeno il 90% delle bottiglie in plastica, che entro il 2025 dovranno essere composte da materiale riciclato almeno per il 25% (per il 30% entro il 2030). Si estenderà la responsabilità della raccolta dei rifiuti dispersi nell’ambiente ai produttori di componenti inquinanti e sarà obbligatorio etichettare prodotti come le sigarette con filtro in plastica e le salviette umidificate, informando il consumatore del loro impatto sull’ambiente.

Prova Supermercato24

Registrati gratuitamente e ricevi email con sconti e promozioni per la tua spesa online

Supermercato24

Pubblicato da Supermercato24

Spesa online con consegna a domicilio in giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *